Contenuto principale

Lunedì, 11 Giugno 2018 07:00

Comune di Cagliari accesso atti "professionisti" In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)
 
  Professionisti
  Possono presentare istanza di accesso agli atti con le modalità illustrate di seguito esclusivamente i professionisti iscritti a un Albo di un Ordine/Collegio professionale.

  Il procedimento amministrativo parte nel momento in cui il professionista inoltra, al protocollo generale del comune, specifica istanza di accesso agli atti secondo il MODULO RICHIESTA ACCESSO ATTI – PROFESSIONISTI scaricabile dall'allegato    sotto riportato.

Qualora la richiesta dovesse essere inoltrata priva della ricevuta/risconto del pagamento dovuto a titolo di diritti di ricerca, o priva degli elementi minimi per la --precisa- identificazione dei documenti oggetto di accesso, o priva del recapito di email di p.e.c. del professionista, o priva della delega validamente compilata e sottoscritta (laddove prevista), la stessa richiesta sarà dichiarata automaticamente improcedibile senza necessità di alcuna successiva comunicazione al professionista, e il Responsabile del Procedimento dovrà assegnarla ad altra istruttoria con le modalità dell’accesso agli atti assistito (accesso ordinario).


 Il giorno stesso che il Responsabile del Procedimento riceve l’istanza provvede a quanto segue: 

  •  il Responsabile del Procedimento, dopo aver verificato la completezza dell’istanza, provvede a verificarne l’ammissibilità amministrativa in relazione all'interesse diretto, concreto e attuale del soggetto interessato/delegante   corrispondente a una situazione giuridicamente tutelata e collegata ai documenti per i quali è chiesto l'accesso;
  •  nel caso di verifica negativa il Responsabile del Procedimento trasmette la relativa proposta di preavviso di rigetto dell’istanza alla Posizione Organizzativa Amministrativa che provvederà (se del caso) a emettere la relativa   comunicazione di preavviso di rigetto all’interessato e successivamente la stessa P.O. provvederà a chiudere il procedimento con il rigetto o l’ammissione dell’istanza di accesso;
  •  nel caso di verifica positiva il Responsabile del Procedimento provvederà a inoltrare (tramite protocollo) una P.E.C. al professionista, con la quale lo stesso professionista verrà convocato per effettuare l’accesso agli atti.

Il professionista, nell’ora e nel giorno di convocazione, dovrà presentarsi presso gli uffici dell’Accesso agli Atti, posti al piano terra del palazzo comunale di Viale Trieste n.141 - lato Viale Trieste, e dovrà recarsi all’ingresso della sala destinata all’effettuazione dell’accesso agli atti; dovrà depositare (nell’apposito armadietto posto di fronte all’ingresso della sala) gli oggetti di scrittura, di cancellazione, e comunque qualsiasi oggetto che possa diventare strumento volto a modificare o manomettere i documenti interessati dall’accesso e dei dati ivi contenuti, nonché gli oggetti che possano diventare strumento volto a sottrarre i  documenti interessati dall’accesso e dei dati ivi contenuti. Una volta riposti gli oggetti, il professionista potrà trattenere la chiave del relativo armadietto impegnato ed entrare nella sala destinata all’effettuazione dell’accesso agli atti, nella quale l’Addetto alla Sala gli consentirà di visionare le pratiche e i documenti oggetto di accesso, dopo averne visionato il documento di identità e averne verificato l’identità in relazione ai dati personali riportati nella GIORNALIERA.

Il professionista dovrà svolgere l’accesso agli atti secondo le modalità operative che verranno all’uopo impartite dall’Addetto alla Sala e la medesima consultazione ed estrazione delle copie potrà avvenire solo con strumenti ottici e/o informatici quali fotocamere e scanner portatili, entro il tempo di 30 minuti o salvo maggior tempo autorizzato dall’Addetto alla Sala in relazione all’oggettiva voluminosità dei documenti messi a disposizione per l’accesso e in relazione ai carichi operativi del giorno.

Il professionista potrà estrarre copia (con le modalità di cui sopra) solo dei documenti amministrativi e degli atti aventi natura di provvedimento, restando esclusi tutti i documenti meramente “interni” e che non costituiscono documento amministrativo (a mero titolo di esempio: fogli contenenti appunti scritti a mano privi di firma, annotazioni interne degli uffici, copie di documenti ed elaborati scartati); tali documenti potranno essere individuati considerando quale criterio l’assenza di uno o più elementi che caratterizzano il documento amministrativo, quali la firma, l’indicazione dell’ufficio emittente, l’oggetto, il destinatario, il contenuto, ecc.; nel caso il professionista avesse il dubbio sulla riproducibilità di uno specifico documento potrà chiedere all’Addetto alla Sala delucidazioni nel merito, e qualora anche quest’ultimo conservasse lo stesso dubbio quest’ultimo dovrà richiedere l’intervento del Responsabile del Procedimento e/o della Posizione Organizzativa Amministrativa.

Al termine dell’effettuazione delle attività materiali di accesso agli atti, il professionista dovrà riporre i documenti nelle relative cartelle e/o faldoni nelle condizioni in cui le ha trovate e dovrà firmare nell’apposito spazio la GIORNALIERA al fine di attestare l’avvenuto accesso; tale firma è richiesta anche nel caso in cui l’esito dell’accesso sia considerato “non operato” o non soddisfacente dal professionista medesimo, che potrà successivamente rappresentare le proprie osservazioni e/o rimostranze tramite la compilazione del MODULO OSSERVAZIONI DEL PROFESSIONISTA scaricabile  dal link sotto riportato.

Dopo la firma della giornaliera il professionista potrà accedere all’armadietto contente gli oggetti da lui riposti al fine di rientrarne in possesso e dovrà, infine, lasciare la relativa chiave inserita nella toppa della serratura. Nel caso in cui si verificasse qualsiasi disguido che non consentisse l’effettuazione dell’accesso agli atti nelle forme sopra descritte, o che fosse causa di interruzione dei “flussi operativi”, l’istanza di accesso interessata verrà evasa con le modalità dell’accesso agli atti assistito e a ciò disporrà il Responsabile del Procedimento.

Letto 312 volte Ultima modifica il Giovedì, 21 Giugno 2018 10:02
Devi effettuare il login per inviare commenti